Curcuma e curcumina i 10 benefici che hanno sulla salute

Curcuma

Che cos’è la curcuma i suoi benefici e le proprietà benefiche che ha sul nostro corpo.

La curcuma può essere l’integratore alimentare più efficace esistente. Molti studi approfonditi mostrano che ha grandi benefici per il corpo e il cervello.

Ecco i 10 principali benefici per la salute a base di curcuma.  La curcuma in polvere e radice “. La curcuma è la spezia che dà al curry il suo colore giallo è stato usato in India per migliaia di anni come erba aromatica e medicinale.

Recentemente, la scienza ha iniziato a sostenere ciò che gli indiani hanno conosciuto da molto tempo … contiene davvero composti con proprietà medicinali (1).

Questi composti sono chiamati curcuminoidi, il più importante dei quali è la curcumina.

La curcumina è la principale ingrediente in curcuma. Ha potenti effetti anti-infiammatori ed è un antiossidante molto forte.

Tuttavia, il contenuto di curcumina della curcuma non è così alto … è circa il 3%, in peso (2).

Gran parte degli studi su questa erba utilizza estratti di curcuma che contengono principalmente la curcumina stessa, con dosaggi generalmente superiori a 1 grammo al giorno. Sarebbe molto difficile raggiungere questi livelli usando solo la spezia di curcuma nei cibi.

Pertanto, se vuoi sperimentare gli effetti completi, allora devi prendere un estratto che contenga quantità significative di curcumina.

Sfortunatamente, la curcumina è scarsamente assorbita nel flusso sanguigno quindi puoi si può facilitare l’assorbimento consumando pepe nero che contiene piperina … una sostanza naturale che migliora l’assorbimento della curcumina del 2000%.

La curcumina è anche liposolubile, quindi può essere una buona idea prenderla con un pasto grasso.

Riepilogo: La curcuma contiene curcumina, una sostanza con potenti antiinfiammatori e proprietà antiossidanti. La maggior parte degli studi ha usato estratti di curcuma standardizzati per includere grandi quantità di curcumina.

Approfondisci qui.

La curcuma previene l’infiammazione

L’infiammazione è incredibilmente importante. Aiuta il corpo a combattere gli invasori stranieri e ha anche un ruolo nella riparazione dei danni.

Senza infiammazione i patogeni come i batteri potrebbero facilmente prendere il sopravvento sui nostri corpi e ucciderci.

Anche se l’infiammazione acuta (a breve termine) è benefica, può diventare un grave problema quando è cronica (a lungo termine) e dispiegata in modo inappropriato contro i tessuti del corpo. Si ritiene ora che l’infiammazione cronica a basso livello svolga un ruolo importante in quasi tutte le malattie croniche occidentali. Ciò include malattie cardiache, cancro, sindrome metabolica, morbo di Alzheimer e varie condizioni degenerative (4, 5, 6).

Pertanto, tutto ciò che può aiutare a combattere l’infiammazione cronica è di potenziale importanza nella prevenzione e persino nel trattamento di queste malattie. Si scopre che la curcumina è fortemente anti-infiammatoria, è così potente da corrispondere all’efficacia di alcuni farmaci anti-infiammatori (7).

La curcumina in realtà si rivolge a più passaggi nella via infiammatoria, a livello molecolare.  La curcumina blocca NF-kB, una molecola che viaggia nei nuclei delle cellule e attiva i geni legati all’infiammazione. Si ritiene che l’NF-kB svolga un ruolo importante in molte malattie croniche (8, 9).

Senza entrare nei dettagli cruenti (l’infiammazione è estremamente complicata), la chiave è che la curcumina è una sostanza bioattiva che combatte l’infiammazione a livello molecolare (10, 11, 12).

In diversi studi, la sua potenza ha paragonato favorevolmente farmaci antinfiammatori … eccetto senza effetti collaterali (13, 14).

Riepilogo: L’infiammazione cronica è nota per contribuire a molte malattie occidentali comuni. La curcumina può inibire molte molecole note per svolgere ruoli importanti nell’infiammazione.

Gli effetti antiossidanti della curcuma

Si ritiene che il danno ossidativo sia uno dei meccanismi alla base dell’invecchiamento e di molte malattie.

Coinvolge radicali liberi, molecole altamente reattive con elettroni spaiati.

I radicali liberi tendono a reagire con importanti sostanze organiche, come acidi grassi, proteine ​​o DNA.

La ragione principale per cui gli antiossidanti sono così benefici è che proteggono i nostri corpi dai radicali liberi.

La curcumina sembra essere un potente antiossidante che può neutralizzare i radicali liberi a causa della sua struttura chimica (15, 16).

Ma la curcumina aumenta anche l’attività degli enzimi antiossidanti del corpo (17, 18, 19).

In questo modo, la curcumina ne eroga una -due pugno contro i radicali liberi. Li blocca direttamente, quindi stimola i meccanismi antiossidanti del corpo.

Riepilogo: La curcumina ha potenti effetti antiossidanti. Neutralizza i radicali liberi da solo, quindi stimola gli enzimi antiossidanti del corpo.

Nel corso della giornata, si credeva che i neuroni non fossero in grado di dividersi e moltiplicarsi dopo la prima infanzia, tuttavia ora è noto che i neuroni sono in grado di formare nuove connessioni, ma in certe aree del cervello possono anche moltiplicarsi e aumentare di numero.

Uno dei principali motori di questo processo è il neurotropico derivato dal cervello Fattore (BDNF), che è un tipo di ormone della crescita che funziona nel cervello (20).

Molti disturbi del cervello comuni sono stati associati a livelli ridotti di questo ormone. Questo include depressione e malattia di Alzheimer (21, 22).

È interessante notare che la curcumina può aumentare i livelli cerebrali di BDNF (23, 24).

In questo modo, può essere efficace nel ritardare o addirittura invertire molte malattie cerebrali e diminuzioni legate all’età nella funzione cerebrale (25).

C’è anche la possibilità che possa aiutare a migliorare la memoria e renderti più intelligente. Ha senso dato i suoi effetti sui livelli di BDNF, ma questo ha sicuramente bisogno di essere testato in studi controllati dall’uomo (26).

Riepilogo: La curcumina aumenta i livelli dell’ormone cerebrale BDNF, che aumenta la crescita di nuovi neuroni e combatte vari processi degenerativi nel cervello.

La curcuma combatte le malattie cardiache

Le malattie cardiache sono il più grande killer del mondo (27).

È stato studiato per molti decenni e i ricercatori hanno imparato molto sul perché accade.

che la malattia cardiaca è incredibilmente complicata e ci sono varie cose che contribuiscono ad essa.

La curcumina può aiutare a invertire molti passaggi nel processo della malattia cardiaca (28).

Forse il principale vantaggio della curcumina quando si tratta di malattie cardiache , sta migliorando la funzione dell’endotelio, che è il rivestimento dei vasi sanguigni.

È noto che la disfunzione endoteliale è un importante fattore di cardiopatia e comporta l’incapacità dell’endotelio di regolare la pressione sanguigna, il sangue coagulazione e vari altri fattori (29).

Diversi studi suggeriscono che la curcumina porti a miglioramenti nella funzione endoteliale. Uno studio mostra che è efficace quanto l’esercizio, un altro mostra che funziona bene come il farmaco Atorvastatin (30, 31).

Ma la curcumina riduce anche l’infiammazione e l’ossidazione (come discusso sopra), che sono anche importanti nelle malattie cardiache .

In uno studio, 121 pazienti sottoposti a bypass di arteria coronaria sono stati randomizzati a placebo oa 4 grammi di curcumina al giorno, alcuni giorni prima e dopo l’intervento.

Il gruppo curcumina ha avuto un calo del 65% rischio di avere un infarto in ospedale (32).

Riepilogo: La curcumina ha effetti benefici su diversi fattori noti per svolgere un ruolo nelle malattie cardiache. Migliora la funzione dell’endotelio ed è un potente agente anti-infiammatorio e antiossidante.

La curcuma aiuta a combattere il cancro

Il cancro è una malattia terribile, caratterizzata da una crescita incontrollata di cellule.

Esistono molte forme diverse di cancro, ma ne esistono diverse aspetti comuni, alcuni dei quali sembrano essere influenzati dalla supplementazione di curcumina (33).

I ricercatori hanno studiato la curcumina come un’erba benefica nel trattamento del cancro. Può influenzare la crescita, lo sviluppo e la diffusione del cancro a livello molecolare (34).

Gli studi hanno dimostrato che può ridurre l’angiogenesi (crescita di nuovi vasi sanguigni nei tumori), metastasi (diffusione del cancro), oltre a contribuire a la morte delle cellule cancerose (35).

Diversi studi hanno dimostrato che la curcumina può ridurre la crescita delle cellule cancerose in laboratorio e inibire la crescita dei tumori negli animali da test (36, 37).

Se ad alte dosi la curcumina (preferibilmente con un potenziatore dell’assorbimento come il pepe) può aiutare a curare il cancro negli esseri umani deve ancora essere testato correttamente.

Tuttavia, ci sono alcune prove che potrebbe aiutare a prevenire il cancro, soprattutto i tumori del digestivo sistema (come il cancro del colon-retto).

In uno studio su 44 uomini con lesioni nel colon che a volte diventano cancerogene, 4 grammi di curcumina al giorno per 30 giorni hanno ridotto il numero di lesioni del 40% (38).

Forse la curcumina sarà usata insieme a trattamenti oncologici del cancro un giorno. È troppo presto per dirlo con certezza, ma sembra promettente e stiamo studiando intensamente mentre parliamo.

Riepilogo: La curcumina porta a diversi cambiamenti a livello molecolare che possono aiutare a prevenire e forse persino a curare il cancro.

La curcuma contro l’Alzheimer

La ​​malattia di Alzheimer è la più comune malattia neurodegenerativa al mondo e una delle principali cause di demenza.

Purtroppo, non esiste ancora un buon trattamento per l’Alzheimer.

Pertanto, impedendo che si mostri in primo luogo è di estrema importanza.

Ci possono essere buone notizie all’orizzonte, poiché la curcumina ha dimostrato di attraversare la barriera emato-encefalica (39).

È noto che l’infiammazione e il danno ossidativo hanno un ruolo nella malattia di Alzheimer. Come sappiamo, la curcumina ha effetti benefici su entrambi (40).

Ma una caratteristica chiave della malattia di Alzheimer è un accumulo di grovigli di proteine ​​chiamati placche di amiloide. Gli studi dimostrano che la curcumina può aiutare a cancellare queste placche (41).

Se la curcumina può davvero rallentare o addirittura invertire la progressione della malattia di Alzheimer deve essere studiata correttamente.

Riepilogo: La curcumina può attraversare il sangue -braina della barriera e ha dimostrato di portare a vari miglioramenti nel processo patologico della malattia di Alzheimer.

I benefici della curcuma contro l’artrite

L’artrite è un problema comune nei paesi occidentali.

Ci sono diversi tipi, ma la maggior parte coinvolge una sorta di infiammazione nel articolazioni.

Dato che la curcumina è un potente anti-infiammatorio, ha senso che potrebbe aiutare con l’artrite. Diversi studi dimostrano che questo è vero.

In uno studio su pazienti con artrite reumatoide, la curcumina era ancora più efficace di un farmaco antinfiammatorio (42).

Molti altri studi hanno esaminato gli effetti della curcumina sull’artrite e noti miglioramenti in vari sintomi (43, 44).

Riepilogo: L’artrite è una malattia comune caratterizzata da infiammazione articolare. Molti studi dimostrano che la curcumina può aiutare a trattare i sintomi dell’artrite ed è in alcuni casi più efficace dei farmaci antinfiammatori.

La curcuma ha benefici anche contro la depressione

La ​​curcumina ha mostrato alcune promesse nel trattamento della depressione.

In uno studio controllato, 60 pazienti sono stati randomizzati in tre gruppi (45).

Un gruppo ha preso il prozac, un altro gruppo ha preso un grammo di curcumina e il terzo gruppo ha assunto sia il prozac che la curcumina.

Dopo 6 settimane, la curcumina ha portato a miglioramenti simili al prozac. Il gruppo che ha assunto sia prozac che curcumina ha ottenuto risultati migliori.

Secondo questo (piccolo) studio, la curcumina è efficace quanto un antidepressivo.

La depressione è anche legata a livelli ridotti di fattore neurotrofico derivato dal cervello e ad un ippocampo restringente , un’area del cervello con un ruolo nell’apprendimento e nella memoria.

La curcumina aumenta i livelli di BNDF, potenzialmente invertendo alcuni di questi cambiamenti (46).

Ci sono anche alcune prove che la curcumina può aumentare i neurotrasmettitori cerebrali serotonina e dopamina (47 , 48).

Riepilogo: Uno studio su 60 pazienti depressi ha dimostrato che la curcumina era efficace quanto il prozac nell’alleviare i sintomi della depressione.

Conclusione

Se la curcumina può davvero aiutare a prevenire le malattie cardiache, il cancro e l’Alzheimer. .. quindi questo avrebbe ovvi benefici per la longevità.

Per questo motivo, la curcumina è diventata molto popolare come integratore anti-invecchiamento (49).

Ma dato che l’ossidazione e l’infiammazione sono ritenute svolgere un ruolo nell’invecchiamento , la curcumina può avere effetti che vanno ben oltre la semplice prevenzione della malattia (50).

Se vuoi acquistare un integratore di curcuma / curcuma, allora c’è un’eccellente selezione su Amazon con migliaia di ottime recensioni dei clienti.

che ne trovi uno con bioperina (un altro nome per piperina), che è la sostanza che aumenta l’assorbimento della curcumina del 2000%.

Senza questa sostanza, la maggior parte della curcumina passa semplicemente attraverso il tratto digestivo.

I primi 10 benefici dell’esercizio fisico regolare

Benefici sul nostro corpo dell’esercizio fisico regolare

L’esercizio è definito come qualsiasi movimento che fa lavorare i muscoli e richiede al tuo corpo di bruciare calorie.

Esistono molti tipi di attività fisica, tra cui nuoto, corsa, jogging, camminata e ballo, per citarne alcuni.  È stato dimostrato che essere attivi ha molti benefici per la salute, sia fisicamente che mentalmente. Può anche aiutarti a vivere più a lungo (1).

Ecco i 10 modi migliori per far sì che l’esercizio fisico regolare benefici il tuo corpo e il tuo cervello.

L’esercizio ha dimostrato di migliorare il tuo umore e diminuire i sentimenti di depressione, ansia e stress (2).

Produce cambiamenti nelle parti del cervello che regolano lo stress e l’ansia. Può anche aumentare la sensibilità cerebrale per gli ormoni serotonina e noradrenalina, che alleviano i sentimenti di depressione (1).

Inoltre, l’esercizio fisico può aumentare la produzione di endorfine, che sono note per aiutare a produrre sentimenti positivi e ridurre la percezione del dolore ( 1).

Inoltre, è stato dimostrato che l’esercizio fisico riduce i sintomi nelle persone che soffrono di ansia. Può anche aiutarli ad essere più consapevoli del loro stato mentale e praticare la distrazione dalle loro paure (1).

È interessante notare che non importa quanto sia intenso il tuo allenamento. Sembra che il tuo umore possa trarre beneficio dall’esercizio, indipendentemente dall’intensità dell’attività fisica.

Infatti, uno studio su 24 donne a cui era stata diagnosticata la depressione mostrava che l’esercizio di qualsiasi intensità diminuiva sensibilmente la sensazione di depressione (3).

Gli effetti dell’esercizio sull’umore sono così potenti che scegliere di esercitare (o non) fa anche la differenza per brevi periodi.

Uno studio ha chiesto a 26 uomini e donne in buona salute che normalmente hanno esercitato regolarmente o continuare a esercitare o interrompere l’attività fisica per due settimane. Coloro che hanno smesso di allenarsi hanno sperimentato aumenti dell’umore negativo (4).

Sommario: Esercitare regolarmente può migliorare il tuo umore e ridurre i sentimenti di ansia e depressione.

Alcuni studi hanno dimostrato che l’inattività è un fattore importante nel peso guadagno e obesità (5, 6).

Per capire l’effetto dell’esercizio sulla riduzione del peso, è importante capire la relazione tra esercizio e dispendio energetico.

Il tuo corpo spende energia in tre modi: digerire il cibo, esercitare e mantenere le funzioni del corpo come il battito del cuore e la respirazione.

Durante la dieta, una riduzione dell’apporto calorico ridurrà il tasso metabolico, che ritarderà la perdita di peso. Al contrario, è stato dimostrato che l’esercizio fisico regolare aumenta il tasso metabolico, che brucerà più calorie e ti aiuterà a perdere peso (5, 6, 7, 8).

Inoltre, studi hanno dimostrato che combinando esercizio aerobico con allenamento di resistenza può massimizzare la perdita di grasso e la manutenzione della massa muscolare, che è essenziale per mantenere il peso fuori (6, 8, 9, 10, 11).

Sommario: L’esercizio è fondamentale per sostenere un metabolismo veloce e bruciare più calorie per giorno.

L’esercizio svolge un ruolo fondamentale nella costruzione e nel mantenimento di muscoli e ossa forti.

L’attività fisica come il sollevamento pesi può stimolare la costruzione muscolare se abbinata ad un’adeguata assunzione di proteine.

Questo perché l’esercizio fisico aiuta a rilasciare ormoni che promuovono la capacità dei tuoi muscoli di assorbire aminoacidi. Questo li aiuta a crescere e riduce la loro rottura (12, 13).

Mentre le persone invecchiano, tendono a perdere massa e funzione muscolare, il che può portare a lesioni e disabilità. Praticare un’attività fisica regolare è essenziale per ridurre la perdita muscolare e mantenere la forza con l’età (14).

Inoltre, l’esercizio fisico aiuta a costruire la densità ossea quando si è giovani, oltre a contribuire a prevenire l’osteoporosi più tardi nella vita (15). 19659002] È interessante notare che l’esercizio ad alto impatto, come la ginnastica o la corsa, o gli sport a impatto, come il calcio e il basket, hanno dimostrato di promuovere una densità ossea più elevata rispetto agli sport senza impatto come il nuoto e il ciclismo (16).

Riepilogo: L’attività fisica ti aiuta a costruire muscoli e ossa forti. Può anche aiutare a prevenire l’osteoporosi.

L’esercizio fisico può essere un reale stimolo energetico per le persone sane, così come per coloro che soffrono di varie condizioni mediche (17, 18).

Uno studio ha rilevato che sei settimane di esercizio fisico riducevano i sentimenti di affaticamento per 36 persone sane che avevano riportato stanchezza persistente (19).

Inoltre, l’esercizio fisico può aumentare significativamente i livelli di energia per le persone affette da sindrome da stanchezza cronica (CFS) e altre malattie gravi (20, 21).

In Infatti, l’esercizio sembra essere più efficace nella lotta alla CFS rispetto ad altri trattamenti, comprese terapie passive come il rilassamento e lo stretching, o nessun trattamento (20).

Inoltre, è stato dimostrato che l’esercizio fisico aumenta i livelli di energia nelle persone che soffrono di progressione malattie, come il cancro, l’HIV / AIDS e la sclerosi multipla (21).

Sommario: Impegnarsi in un’attività fisica regolare può aumentare i livelli di energia. Questo è vero anche nelle persone con stanchezza persistente e in quelle che soffrono di malattie gravi.

La mancanza di attività fisica regolare è una causa primaria di malattia cronica (22).

L’esercizio regolare ha dimostrato di migliorare la sensibilità all’insulina, l’idoneità cardiovascolare e la composizione corporea, tuttavia diminuiscono la pressione sanguigna e i livelli di grasso nel sangue (23, 24, 25, 26).

Al contrario, la mancanza di esercizio fisico regolare – anche a breve termine – può portare a significativi aumenti del grasso della pancia, che aumenta il rischio di diabete di tipo 2, malattie cardiache e morte precoce (23).

Pertanto, l’attività fisica giornaliera è raccomandata per ridurre il grasso ventre e diminuire il rischio di sviluppare queste malattie (27, 28).

Sommario: L’attività fisica quotidiana è essenziale per mantenere un peso sano e ridurre il rischio di malattie croniche.

La tua pelle può essere influenzata dalla quantità di stress ossidativo nel tuo corpo.

Lo stress ossidativo si verifica quando l’antiossidante del corpo le difese non possono riparare completamente il danno che i radicali liberi causano alle cellule. Ciò può danneggiare le loro strutture interne e deteriorare la pelle.

Anche se un’attività fisica intensa ed esaustiva può contribuire al danno ossidativo, un regolare esercizio fisico moderato può aumentare la produzione di antiossidanti naturali, che aiutano a proteggere le cellule (29, 30).  Allo stesso modo, l’esercizio fisico può stimolare il flusso sanguigno e indurre adattamenti alle cellule della pelle che possono aiutare a ritardare la comparsa dell’invecchiamento cutaneo (31).

Sommario: L’esercizio moderato può fornire protezione antiossidante e promuovere il flusso sanguigno, che può proteggere la pelle e ritardare i segni dell’invecchiamento.

L’esercizio può migliorare la funzione cerebrale e proteggere la memoria e le capacità di pensiero.

Per cominciare, aumenta la frequenza cardiaca, che promuove il flusso di sangue e ossigeno al cervello.

Può anche stimolare la produzione di ormoni in grado di aumentare la crescita delle cellule cerebrali.

Inoltre, la capacità dell’esercizio di prevenire le malattie croniche può tradursi in benefici per il tuo cervello, poiché la sua funzione può essere influenzata da queste malattie (32).

L’attività fisica regolare è particolarmente importante negli anziani poiché l’invecchiamento – combinato con lo stress ossidativo e l’infiammazione – promuove i cambiamenti nella struttura e nella funzione del cervello (33, 34).

L’esercizio ha dimostrato di causare l’ippocampo , una parte del cervello che è vitale per la memoria e l’apprendimento, per crescere di dimensioni. Ciò serve ad aumentare la funzione mentale negli anziani (33, 34, 35).

Infine, è stato dimostrato che l’esercizio riduce i cambiamenti nel cervello che possono causare la malattia di Alzheimer e la schizofrenia (36).

Sommario: L’esercizio fisico regolare migliora il flusso di sangue al cervello e aiuta la salute e la memoria del cervello. Tra gli anziani, può aiutare a proteggere la funzione mentale.

L’esercizio fisico regolare può aiutarti a rilassarti e dormire meglio (37, 38).

Per quanto riguarda la qualità del sonno, l’esaurimento energetico che si verifica durante l’esercizio stimola i processi di recupero durante il sonno (38).

Inoltre, l’aumento della temperatura corporea che si verifica durante l’esercizio fisico è pensato per migliorare la qualità del sonno aiutandolo a cadere durante il sonno (39).

Molti studi sugli effetti dell’esercizio fisico sul sonno hanno raggiunto conclusioni simili .

Uno studio ha rilevato che 150 minuti di attività moderata-intensa a settimana possono fornire un miglioramento fino al 65% nella qualità del sonno (40).

Un altro ha dimostrato che 16 settimane di attività fisica hanno aumentato la qualità del sonno e aiutato 17 persone con insonnia dormono più a lungo e più profondamente rispetto al gruppo di controllo. Inoltre li ha aiutati a sentirsi più stimolati durante il giorno (41).

Inoltre, l’attività fisica regolare sembra essere benefica per gli anziani, che tendono ad essere affetti da disturbi del sonno (41, 42, 43). [19659002] Puoi essere flessibile con il tipo di esercizio che scegli. Sembra che sia l’esercizio aerobico da solo o l’esercizio aerobico combinato con l’allenamento di resistenza possano aiutare a migliorare la qualità del sonno (44).

Riassunto: Attività fisica regolare, indipendentemente dal fatto che sia aerobica o una combinazione di allenamento aerobico e di resistenza, può aiutarti a dormire meglio e sentirti più eccitato durante il giorno.

Il dolore cronico può essere debilitante, ma l’esercizio fisico può effettivamente aiutarti a ridurlo (45).

Infatti, per molti anni, la raccomandazione per il trattamento del dolore cronico era il riposo e l’inattività. Tuttavia, studi recenti dimostrano che l’esercizio fisico aiuta ad alleviare il dolore cronico (45).

Una rassegna di diversi studi indica che l’esercizio aiuta i partecipanti con dolore cronico a ridurre il dolore e migliorare la qualità della vita (45).

quell’esercizio può aiutare a controllare il dolore associato a varie condizioni di salute, tra cui lombalgia cronica, fibromialgia e disturbo cronico della spalla dei tessuti molli, per citarne alcuni (46).

Inoltre, l’attività fisica può anche aumentare la tolleranza al dolore e diminuire il dolore percezione (47, 48).

Sommario: L’esercizio ha effetti favorevoli sul dolore associato a varie condizioni. Può anche aumentare la tolleranza al dolore.

L’esercizio ha dimostrato di aumentare il desiderio sessuale (49, 50, 51).

Impegnarsi in un regolare esercizio fisico può rafforzare il sistema cardiovascolare, migliorare la circolazione sanguigna, tonificare i muscoli e migliorare la flessibilità, tutto di cui può migliorare la vita sessuale (49, 51).

L’attività fisica può migliorare le prestazioni sessuali e il piacere sessuale, nonché aumentare la frequenza dell’attività sessuale (50, 52).

Un gruppo di donne nella loro Gli anni ’40 osservarono di aver sperimentato più spesso gli orgasmi quando incorporarono esercizi più faticosi, come sprint, campi di addestramento e allenamento con i pesi, nel loro stile di vita (53).

Inoltre, tra un gruppo di 178 uomini sani, gli uomini che riportarono di più le ore di esercizio a settimana avevano punteggi di funzione sessuale più alti (50).

Uno studio ha rilevato che una semplice routine di una passeggiata di sei minuti intorno alla casa ha aiutato 41 uomini a ridurre i sintomi della disfunzione erettile del 71% (54).

Un altro studio eseguito in 78 sedenta gli uomini hanno rivelato come 60 minuti di camminata al giorno (tre giorni e mezzo alla settimana, in media) hanno migliorato il loro comportamento sessuale, compresa la frequenza, il funzionamento e la soddisfazione adeguati (55).

Inoltre, uno studio ha dimostrato che le donne soffrono dalla sindrome dell’ovaio policistico, che può ridurre il desiderio sessuale, aumenta il desiderio sessuale con regolare allenamento di resistenza per 16 settimane (56).

Sommario: L’esercizio può aiutare a migliorare il desiderio sessuale, la funzione e le prestazioni negli uomini e nelle donne. Può anche aiutare a ridurre il rischio di disfunzione erettile negli uomini.

L’esercizio offre incredibili benefici che possono migliorare quasi ogni aspetto della tua salute dall’interno.

L’attività fisica regolare può aumentare la produzione di ormoni che ti fanno sentire più felice e ti aiuta a dormire meglio.

Può anche migliorare l’aspetto della tua pelle, aiutarti a perdere peso e tenerlo lontano, ridurre il rischio di malattie croniche e migliorare la tua vita sessuale.

Se pratichi uno sport specifico o segui la linea guida di 150 minuti di attività a settimana, inevitabilmente migliorerà la tua salute in molti modi (57).

Sindrome di Psoas: sintomi e trattamento

Cos’è la sindrome di psoas?

La sindrome di Psoas è una condizione rara e quindi spesso erroneamente diagnosticata che può presentarsi come dolore lombare refrattario accompagnato da altri sintomi. La condizione si verifica quando il muscolo psoas, il muscolo lungo (fino a 40 cm), viene ferito. Il muscolo psoas si trova nella regione lombare inferiore della colonna vertebrale e si estende attraverso il bacino al femore. Il compito del muscolo psoas è quello di flettere l’articolazione dell’anca e sollevare la parte superiore della gamba verso il corpo, come nel camminare.

Chi ha la sindrome di psoas?

Chiunque può avere la sindrome di psoas, ma gli atleti, i corridori e quelli impegnati in esercizi di salto pliometrico sono a maggior rischio per la condizione, a causa della natura delle loro attività.

Quali sono le cause della sindrome di psoas?

La sindrome di Psoas potrebbe non avere causa identificabile. Prestare attenzione alle persone che sono immunocompromesse (a causa di trapianto, cancro o cause infettive) per garantire che non vi sia alcuna causa infettiva o miosite associata nel muscolo psoas che si presenta in modo correlato.

Quali sono i sintomi della sindrome di psoas?

La sindrome di Psoas può causare una varietà di sintomi, tra cui:

  • Dolore lombare, il sintomo più comune, sebbene questo possa essere sintomatico di molte condizioni
  • la regione lombosacrale (il confine tra la parte inferiore della colonna vertebrale e le natiche che possono irradiarsi fino alle vertebre lombari o giù all’osso sacro) quando si è seduti o in particolare quando si cambia posizione per stare seduti in piedi
  • Difficoltà / dolore durante il tentativo di
  • Dolore alle ginocchia
  • Dolore all’inguine
  • Dolore pelvico
  • Limping o striscia strascicata quando cammini

Molti di questi sintomi possono imitare altre condizioni più serie. Artrite dell’anca, calcoli renali (calcoli ureterali), ernie, borsite femorale, prostatite, salpingite, tumore del colon e diverticolite del colon possono anche causare forti dolori alla schiena. È importante consultare il medico se si dispone di uno dei precedenti.

 

Strappi muscolari

Vediamo cosa sono gli strappi muscolari!

Un affaticamento muscolare, o muscolo tirato, si verifica quando il muscolo è sottoposto a sforzi eccessivi o strappati. Questo di solito si verifica a causa di affaticamento, uso eccessivo o uso improprio di un muscolo. Gli strappi possono verificarsi in qualsiasi muscolo, ma sono più comuni nella zona lombare, collo, spalle e tendine del ginocchio e nel muscolo dietro la coscia (flessore).

Questi strappi possono causare dolore e limitare il movimento all’interno del gruppo muscolare interessato . Gli strappi da lievi a moderati possono essere trattati con successo a casa con ghiaccio, calore e farmaci anti-infiammatori. Forti tensioni o lacrime possono richiedere un trattamento medico.

I sintomi degli strappi muscolari

 Di solito si avverte un affaticamento muscolare i sintomi includono:

  • comparsa improvvisa di dolore
  • indolenzimento
  • gamma limitata di movimento
  • lividi o scolorimento
  • gonfiore
  • una sensazione “annodata”
  • spasmi muscolari
  • rigidità
  • debolezza

In uno strappo mite un muscolo strappato può sembrare leggermente rigido, ma comunque sufficientemente flessibile per l’uso. Una forte tensione muscolare è quando il muscolo è gravemente strappato. Ciò provoca dolore e movimento molto limitato.

I sintomi degli strappi muscolari da lievi a moderati di solito scompaiono entro poche settimane. Strappi muscolari più gravi possono richiedere mesi per guarire.

 Un affaticamento muscolare acuto si verifica quando il muscolo si strappa improvvisamente e in modo imprevisto. Tali lacrime possono derivare da lesioni o traumi. Questo può essere dovuto a:

  • non si riscalda correttamente prima dell’attività fisica
  • scarsa flessibilità
  • scarso condizionamento
  • sovraffaticamento e affaticamento

Esiste un equivoco che solo esercizi rigorosi e allenamenti di alta intensità causano tensioni muscolari . Secondo la Johns Hopkins Medicine, le tensioni muscolari possono persino manifestarsi camminando.

Una tensione acuta può accadere quando:

  • scivoli o perdi il passo
  • salta
  • corri
  • lancia qualcosa
  • solleva qualcosa di pesante
  • alza qualcosa mentre sei in un posizione scomoda

Le tensioni muscolari acute sono anche più comuni nella stagione fredda. Questo perché i muscoli sono più rigidi a temperature più basse. È importante dedicare più tempo al riscaldamento in queste condizioni per evitare tensioni.

Le tensioni muscolari croniche sono il risultato di movimenti ripetitivi. Ciò può essere dovuto a:

  • sport come il canottaggio, il tennis, il golf o il baseball
  • che tengono la schiena o il collo in una posizione scomoda per lunghi periodi di tempo, come quando lavori a una scrivania
  • postura scorretta

Come trattare gli strappi muscolari

La maggior parte degli strappi muscolari può essere curata con successo a casa. Secondo la Mayo Clinic, i muscoli minori possono essere trattati con riposo, ghiaccio, compressione ed elevazione (RICE).

Riposo

Evita di usare i tuoi muscoli per alcuni giorni, specialmente se il movimento causa un aumento del dolore. Ma troppo riposo può far sì che i muscoli si indeboliscano. Questo può prolungare il processo di guarigione. Dopo due giorni, inizia lentamente ad usare il gruppo muscolare interessato, facendo attenzione a non esagerare.

Ghiaccio

Applicare ghiaccio immediatamente dopo aver ferito i muscoli. Questo minimizzerà il gonfiore. Non mettere il ghiaccio direttamente sulla pelle. Utilizzare un impacco di ghiaccio o avvolgere il ghiaccio in un asciugamano. Tieni il ghiaccio sui muscoli per circa 20 minuti. Ripeti ogni ora il primo giorno. Per i prossimi giorni, applicare il ghiaccio ogni quattro ore.

Compressione

Per ridurre il gonfiore, avvolgere l’area interessata con un bendaggio elastico fino a quando il gonfiore non scende. Fai attenzione a non avvolgere troppo la zona. Facendolo puoi ridurre la circolazione sanguigna.

Elevazione

Quando possibile, tieni il muscolo ferito sollevato sopra il livello del tuo cuore.

Altri metodi di auto-cura includono quanto segue:

  • Usa un over-the anti-infiammatorio farmaco, come ibuprofene (Advil). Ciò contribuirà a mantenere il dolore e gonfiore verso il basso. Acetaminofene (Tylenol) può anche aiutare con il dolore.
  • Dopo tre giorni, applica calore al muscolo più volte al giorno. Ciò contribuirà a portare la circolazione del sangue nell’area per la guarigione
  • Non riposare troppo a lungo i muscoli. Ciò può causare rigidità e debolezza. Iniziare lo stretching leggero il più presto possibile. Aumentare lentamente il livello di attività.
  • Assicurarsi di allungare e riscaldarsi prima dell’esercizio quando si ritorna alla normale attività. Ciò contribuirà ad aumentare il flusso di sangue ai muscoli e a ridurre il rischio di lesioni.
  • Sforzati di rimanere in forma. È meno probabile che tu sviluppi una tensione se i tuoi muscoli sono forti e sani.

Se il tuo affaticamento muscolare è grave, potresti aver bisogno di cure mediche. Può anche essere raccomandata la terapia fisica.

 

Per i strappi da lievi a moderati, il trattamento domiciliare dovrebbe essere sufficiente. Rivolgiti al medico se si verifica uno dei seguenti eventi:

  • Il dolore non diminuisce dopo una settimana.
  • L’area ferita è intorpidita.
  • C’è sangue proveniente dall’infortunio.
  • Non puoi camminare .
  • Non è possibile muovere le braccia o le gambe.

Un esame fisico e test di imaging, come le radiografie e le scansioni MRI, possono aiutare il medico a determinare l’entità della lesione. Il trattamento può includere farmaci antinfiammatori e antidolorifici per ridurre il dolore e il gonfiore. Il medico può anche prescrivere una terapia fisica per rinforzare il muscolo e ripristinare il movimento.

Nei casi molto gravi, può essere necessario un intervento chirurgico per riparare il muscolo.

 

Puoi ridurre le possibilità di sforzare un muscolo se prendi delle basi precauzioni:

  • Cerca di non sedere in una posizione troppo a lungo. Fare pause frequenti per spostarsi e cambiare posizione. Utilizzare una sedia che fornisce un buon supporto per la parte bassa della schiena o utilizzare un cuscino per il supporto. Cerca di mantenere le ginocchia all’altezza dei fianchi.
  • Mantieni una buona postura quando sei in piedi e seduto . Se passi molto tempo in una posizione, prova ad alternare mettendo un piede e poi l’altro su uno sgabello basso. Questo può aiutare a ridurre lo stress sui muscoli della schiena.
  • Solleva con cura gli oggetti. Tieni la schiena dritta, piegati alle ginocchia e solleva sempre le gambe. Tieni il peso vicino al tuo corpo. Non sollevare e torcere contemporaneamente.
  • Prendere precauzioni per prevenire cadute, come tenere i corrimano sulle scale, evitare superfici scivolose e mantenere i pavimenti sgombri.
  • Perdi peso se sei sovrappeso.
  • Indossare scarpe che si adattano correttamente.

L’esercizio fisico regolare può mantenere i muscoli sani e forti, ma anche le tecniche corrette sono fondamentali per prevenire le tensioni muscolari. Allungati sempre e riscaldati prima di dedicarti all’attività fisica.

Allo stesso modo, prenditi il ​​tempo di allungare dopo ogni allenamento o sessione di attività fisica per prevenire la rigidità muscolare. Se sei nuovo nell’esercizio fisico, inizia lentamente. Costruisci la tua attività un po ‘alla volta.

È fondamentale comprendere i limiti del tuo corpo. Se qualcosa non sembra giusto durante un’attività, fermati immediatamente.

Tempi di recupero degli strappi muscolari

Il tempo di recupero dipende dalla gravità della lesione. Per un lieve sforzo, potresti essere in grado di tornare alle normali attività entro tre o sei settimane con assistenza domiciliare di base. Per i ceppi più gravi, il recupero può richiedere diversi mesi. Nei casi più gravi, può essere necessaria la riparazione chirurgica e la terapia fisica.

Con un trattamento adeguato, la maggior parte delle persone guarisce completamente. Puoi migliorare le tue possibilità di recupero adottando misure per evitare di ottenere nuovamente lo stesso infortunio. Segui le istruzioni del tuo medico e non impegnarti in una faticosa attività fisica finché i tuoi muscoli non sono guariti.